fbpx
Studenti Euroform al concorso Expocook “Il sapere nei sapori”: sfida all’ultimo piatto tra istituti
13/04/2018
Generazioni a confronto, ad Euroform “Non si smette mai di imparare”
27/04/2018

Villabate, la sensazione di lavorare in un centro Benessere: ecco i nuovi laboratori Euroform

VILLABATE. La semplicità dei materiali e i colori si fondono rendendo lo spazio magico. Un concept innovativo in ui l’interazione tra allievo, docente-professionista e luogo diventa uno stile di vita quotidiano. Un modo per staccare la spina dallo stress e dalla routine per ritrovare l’equilibrio in un luogo pensato per le persone. Sono i nuovi laboratori all’interno della scuola professionale dei mestieri Euroform, della sede di viale Europa, 17-19 (sopra il Todis), a Villabate.

Le pareti profumano di vernice fresca. I lettini per il massaggio sono in ordine, così come i mobiletti accuratamente abbinati alle poltroncine di un rosso vivo. I lavatesta sono asciutti e le spazzole non hanno ancora accarezzato alcuna chioma. I colori rendono l’ambiente accogliente. Tutto sa di nuovo. Appaiono così i due nuovi laboratori di Benessere, rispettivamente di acconciatura e di estetica.

Grande entusiasmo da parte degli allievi che proseguiranno l’anno scolastico nei nuovi laboratori. I luoghi essenziali dove impareranno il mestiere del loro futuro. A Villabate, in provincia di Palermo, la nuova sede della scuola Euroform è aperta da un paio di mesi.

Dalla sede di via Papa Giovanni Paolo II, luogo dove si svolgevano le lezioni, Euroform adesso guarda in grande e sceglie una sede a cinque stelle: oltre 500 metri quadri ospitano all’interno due laboratori (estetica e parruccheria), quattro aule, un laboratorio di informatica e ampi spazi esterni. La sede si trova al primo piano ed è dotata di ascensore.

Dei veri e propri centri benessere realizzati nei minimi particolari sotto le indicazioni della responsabile dei corsi Benessere (Estetica-Parrucchieria) Egizia Brazzo e della responsabile delle sedi di Palermo, Maria Rita Muratore.

 

di Federica Terrana

Condividi su: